Cronaca

"Lurida e maiale": ragazza insultata su Facebook, condannate due coetanee

martedì 8 gennaio 2019

Il giudice, riconoscendo il danno all'immagine e alla reputazione, ha condannato le due imputate per il reato di diffamazione a mezzo web.

"Lurida, poveretta e bakonki": sono state condannate al risarcimento dei danni due 35enni di Nardò, colpevoli di aver offeso sui social una coetanea. Insulti pesantissimi e ingiustificati che le due donne, a distanza di anni si trovano a dover pagare caro: multe da 1700 euro a testa per il reato di diffamazione, oltre a 1000 euro di risarcimento danni e 1500 euro di rimborso per le spese processuali.
Gli episodi risalgono al 2011 quando le due neretine apostrofarono su Facebook la coetanea con appellativi quali "maiale, lurida e bakonki" e indirizzando alla stessa la frase "Il maiale è sporco, ma in confronto a te porta la cravatta".
La vittima, informata da un'amica che con le due responsabili condivideva l'amicizia sul social network, assistita dall'avvocato Antonio Palumbo, ha deciso di sporgere querela allegando gli screenshot degli insulti subiti.
Il 12 dicembre scorso il Giudice di Pace si è espresso riconoscendo il danno all'immagine a alla reputazione della vittima e condannando le due imputate per il reato di diffamazione aggravata a mezzo web.

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
12/01/2019
Nei guai un 75enne di Nardò allontanato dalla casa ...
Cronaca
12/01/2019
Brutto incidente sulla strada che da Gallipoli conduce a Lecce, all’altezza dello ...
Cronaca
12/01/2019
I fatti sono accaduti lo scorso 25 novembre. Procedono i ...
Cronaca
12/01/2019
Urban Park, entro 180 giorni la realizzazione del parco da ...
Non fumare, nemmeno passivamente, è il primo passo per tenere alla larga neoplasie, malattie cardiovascolari, ...