Politica

Frecciarossa, Emiliano su Twitter: “Se Trenitalia perde soldi, non possiamo metterli noi”

martedì 10 gennaio 2017

Non si spengono le polemiche dopo la sospensione del Frecciarossa fino a Lecce: Emiliano spiega ad un utente che ci sono pochi salentini a usufruire del servizio. Duro Pagliaro: “Si arrende senza combattere”.

Non si spengono le polemiche per la sospensione del Frecciarossa fino a Lecce: la decisione è maturata, come riportato ieri, per via delle scarse richieste da parte dell’utenza, una situazione che non garantisce all’azienda di sopportare un equo bilancio tra costi e vantaggi. I parlamentari salentini dei Conservatori e Riformisti, Rocco Palese e Roberto Marti, insieme ai colleghi del Pd, Salvatore Capone e Federico Massa, hanno presentato un'interrogazione urgente sul tema al Ministro dei Trasporti, Graziano Delrio. 

Su Twitter qualche utente ha provato a sollecitare il governatore pugliese, Michele Emiliano, sulla questione, sottolineando come il Salento venga ancora una volta penalizzato. Il presidente ha replicato: “Se da Lecce pochi prendono il Frecciarossa, Trenitalia perde troppi soldi. Li paghiamo noi?”.

Una risposta ha scatenato la reazione di Paolo Pagliaro di Forza Italia, che sulla questione ha puntato una lunga campagna contro “il bari-centrismo” già lo scorso anno, quando sembrava che il treno non dovesse arrivare nel Salento.

Pagliaro accusa Emiliano di non voler lottare per il ripristino dell’alta velocità. “Le strade sono due – precisa -, o Emiliano si batte per la riduzione del costo annuale del contratto di servizio con Trenitalia, visto che non coprirà tutta la Regione; oppure riconosce ai cittadini salentini degli sconti fiscali sostanziosi perché a loro vengono erogati meno servizi degli altri territori”.

“Certo – prosegue - non pensi di restare a braccia conserte, penalizzando il Salento in perfetta continuità con il governo Vendola". Per Pagliaro, la polemica diventa l'occasione per rispolverare il suo cavallo di battaglia, ovvero la Regione Salento: "Visto il maltempo con la neve che attanaglia la Puglia - conclude Pagliaro - ad Emiliano rivolgo un invito: non scivoli sul ghiaccio, ripercorrendo le orme di Vendola che utilizzava il Salento solo per sventolare le cartoline turistiche, salvo poi deliberare un piano Regionale dei trasporti con Bari stazione di testa nelle linee ferroviarie”.

Anche il sindaco di Lecce, Paolo Perrone, parla di “dietrofront inaccettabile” e di “colpo basso per il Salento e il suo capoluogo”: “L’epilogo del Frecciarossa Milano-Lecce è una vicenda – spiega - che rasenta il ridicolo. Promesse non mantenute, scelte opinabili, mancanza di attenzione: siamo il capro espiatorio d'Italia, la periferia ‘permanente’ del nostro Paese. Le responsabilità sono di un governo nazionale che si dimostra sordo alle necessità della Puglia e di un governo regionale assolutamente ‘baricentrico’.Questo territorio merita rispetto e rivendica le stesse opportunità di sviluppo delle altre regioni”.

Per il senatore Cor Francesco Bruni ricorda come la soluzione del Frecciarossa “era un palliativo inefficace” e che “oggi si toglie alle nostre popolazioni anche quell’atto di carità pelosa”: “Si svegli allora Emiliano – dichiara - e la sua giunta regionale: dinanzi al concreto supporto delle regioni anche i cosiddetti servizi a libero mercato possono essere offerti correndo un limitato rischio  d'impresa ed ottenendo un grande impatto sul territorio. Nel contempo la Regione Puglia si faccia carico, anche, dei continui e ulteriori disservizi del nostro trasporto locale”. 

Altri articoli di "Politica"
Politica
22/02/2017
Il cantiere partirà entro fine marzo: martedì ...
Politica
20/02/2017
Domani appuntamento con l’inaugurazione. Il presidente Andrea Gabellone: ...
Politica
19/02/2017
A Leverano sono stati presentati i tre candidati in corsa ...
Politica
17/02/2017
Lo rende noto il comitato che si oppone alla lottizzazione ...